Rio-16: media alternativi denunciano al mondo il colpo di stato in Brasile

Ligado .

Scritto da Felipe Bianchi
Tradotto da Walter Falceta

Le Olimpiadi Rio 2016 si svolgono in un periodo turbolento per i brasiliani. Il presidente “ad interim”, Michel Temer, ha preso il potere attraverso un colpo di stato mediatico-giudiziario per deporre la presidente Dilma Rousseff, democraticamente eletta da 54 milioni di brasiliani.

Questo governo illegittimo è rappresentativo dei settori più reazionari della politica brasiliana. Così, i giochi avranno proteste di massa contro l'attacco alla democrazia.

Controllata da sette famiglie che formano un oligopolio di informazioni nel paese, la mass media cerca di omettere la resistenza al colpo di stato e la lotta per la democrazia.

Pertanto, gruppi di comunicazione alternativi faranno la copertura di tutte le proteste e le manifestazioni che si verificano durante i giochi. L'idea è quella di mostrare al mondo ciò che accade in Brasile.

O Centro de Estudos Barão de Itararé terrà una copertura multilingue di atti contro Temer e il colpo di stato. Formata da giornalisti, intellettuali, attivisti digitali e leader dei movimenti sociali, l'entità produrrà materiali in portoghese e in lingue come l'inglese, spagnolo, francese, russo e tedesco.

La notizia sarà pubblicata sul sito internet del Barão de Itararé (www.baraodeitarare.org.br) e diffusa sui social network come Facebook (www.facebook.com/baraomidia) e Twitter (www.twitter.com/cbaraodeitarare). L'hashtag # ForaTemerRio2016 sarà l'etichetta di pubblicazioni. La riproduzione è libera, citando la fonte.

Gli attacchi alla libertà di espressione

Uno dei casi più emblematici dell'offensiva del governo usurpatore contro la libertà di espressione è un tentativo di smantellare la incipiente comunicazione pubblica brasiliana.

"Il Brasile è un nuovo arrivato alla costruzione di mezzi di comunicazione pubblici. La nostra storia risale a un modello strettamente commerciale, tipico degli Stati Uniti ", dice Renata Mielli, coordinatore del Forum Nazionale per la Democratizzazione della Comunicazione. "Di conseguenza, la nostra democrazia ha sofferto per decenni la mancanza di una comunicazione pubblica capace di rispettare la pluralità e nostra diversità culturale e regionale".

A Empresa Brasileira de Comunicação (EBC), fondata nel 2007, è l'iniziativa che cerca di costruire da zero questo settore. "Significa dare voce ai segmenti prima invisibile", ha detto Mielli. "TV Brasile ha debuttato, di recente, il primo programma del paese per il pubblico gay, attenta alle problematiche di questa comunità."Il giornalismo prodotto da EBC, secondo lei, rompe con il discorso unico del monopolio dei media in Brasile.

La EBC, società pubblica, istituzionalmente legata allo Stato brasiliano, è stata sequestrata dal nuovo governo, che ha nominato un nuovo direttore illegalmente, cambiando la sua direzione. La corte ha annullato la decisione, ma il governo intende ora far passare una legge che modifica il carattere pubblico della EBC.

Renata Mielli afferma che la copertura mediatica del Rio 2016 ha due dimensioni: il monitoraggio delle competizioni sportive e anche l'osservazione di ciò che accade in campo politico.

"L'iniziativa per produrre contenuti che cerca di contestualizzare le Olimpiadi nella scena politica brasiliana è essenziale per superare il blocco delle informazioni", dice. "Questo evento, concepito in un periodo democratico, si svolge ora in un momento di regresso. Il mondo ha bisogno di un altro racconto dei fatti ".

Il divergenti in vista

Il Segretariato della Comunicazione Sociale della Presidenza, l'organo responsabile per la definizione dei criteri per la distribuzione delle risorse pubblicitarie ai media, ha rotto unilateralmente i contratti pubblicitari con i blog e altri canali di comunicazione del campo progressista.

Questo è stato fatto prima del voto finale contro il governo di Dilma Rousseff - la votazione al Senato brasiliano dovrebbe iniziare, a Brasilia, um paio di giorni dopo la fine delle Olimpiadi Rio 2016.

Secondo il presidente del Barão de Itararé, Altamiro Borges, la divisione pubblicitaria del governo è storicamente anti-democratica. "Promuovere la comunicazione anti-egemonica è un grande debito governamentale. Perché le famiglie che dominano il settore mangiano quasi tutta la torta e, dopo il colpo di stato, la mangiano in pieno, "dice.

Autore del Blog do Miro, il giornalista critica Temer per tagliare l'importo assegnato ai mezzi alternativi. Per lui, lo scenario, che è già concentrato, può peggiorare di più. "Sospendendo i contratti, Temer spalanca la sua insofferenza contro la libertà di espressione e rende chiaro: non accetterà il dissenso durante il suo governo," dice.

Movimenti popolari e Rio-2016

Con i riflettori del mondo sul Brasile, movimenti popolari occuperanno le strade di Rio de Janeiro con l'obiettivo di denunciare il colpo di stato. Il 4 agosto, alla vigilia dell'apertura dei giochi, il Frente Brasil Popular e a Frente Brasil Sem Medo faranno una conferenza stampa per gli stranieri. Questi due fronti raggruppati i principali movimenti sociali brasiliani di varie tonalità nel campo progressista.

La grande manifestazione è prevista per Venerdì (5), alle ore 11, a Copacabana. La bandiera scelta dal movimento è: "Temer, fuori! Nessun diritto di meno! Contro la calamità olimpica. " In precedenza, alle ore 10, il "Le donne per la democrazia" faranno una protesta nella stazione Arco Verde.